Elezioni, Padoan: "Disponibile a candidarmi, ho avuto colloqui"

09 Gennaio, 2018, 06:28 | Autore: Nazario Acquaviva
  • L'ex Premier Matteo Renzi con il Ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, in una intervista a il Corriere della Sera, risponde cosìa alla domanda diretta su una sua eventuale discesa in campo: "Al mio futuro non ho pensato".

"Spero che continui a dare una mano al suo Paese, per noi il suo aiuto è stato prezioso", ha detto il leader del Pd Matteo Renzi in un'intervista pubblicata oggi dal "Quotidiano Nazionale", senza però parlare di un'offerta di candidatura. Tutti gli indici sono migliorati: "crescita, lavoro, finanza pubblica, occupazione - siamo ai livelli massimi di occupati - stato di fiducia", afferma ancora il ministro dell'Economia. Padoan ha poi palato anche delle prossime sfide che l'Italia si troverà ad affrontare in Europa: "Preservare i pilastri della distribuzione delle risorse in Europa, cioè coesione e politica agricola comune, e mettere sul tavolo il finanziamento dei cosiddetti beni pubblici europei a cominciare dall'immigrazione".

E, in una situazione di incertezza Padoan non escluderebbe un governo Pd-Forza Italia. "C'è un'agenda di riforme - rivela - da implementare, da introdurre, da valutare". "Nella ripresa ci sono elementi strutturali", aggiunge. Quanto al rapporto con Renzi, ha detto, è stato "molto interessante, faticoso, stimolante. Non so se si è pentito".

Motivo? Il ministro ritiene che l'Italia stia meglio rispetto al 2013, lasciando intendere dunque che grazie a questi governo dell'"inciucio", per dirla alla Salvini, si siano ottenuti dei risultati positivi, eppure la disoccupazione in generale e, in particolare, quella giovanile non scendono affatto, e non perché il sistema economico si sia rimesso leggermente in movimento nelle altre potenze mondiali e, a cascata, qualche beneficio si sia avvertito anche nello Stivale.