La brutta storia di Paola Manchisi

11 Gennaio, 2018, 21:47 | Autore: Menodora Allio
  • La brutta storia di Paola Manchisi

Le telecamere di Pomeriggio 5 si sono recate a Polignano a mare, sulle tracce della madre di Paola Manchisi, la giovane 31enne morta di stenti a 31 anni per via di una situazione drammatica sotto più punti di vista, in particolare sul piano del grave libello di denutrizione in cui verteva. A nulla erano valsi gli interventi degli assistenti sociali e dei carabinieri. Fu solo all'ultimo anno di liceo che decise di interrompere gli studi, lasciando perplessi e stupiti famigliari ed amici, con i quali decise di interrompere ogni contatto. Una sua ex compagna di classe ha raccontato a diversi giornali che Paola era una ragazza normale fino al quarto anno di scuola superiore: frequentava l'Istituto Tecnico a Monopoli, in provincia di Bari, ma non si è diplomata. Da quel momento in poi non si sa più niente. "Paola sta bene - ha detto la donna - Esce quando è necessario uscire, e sente per telefono chi vuole sentire". "Paola mangiava regolarmente. Stava bene ma ha avuto un arresto cardiaco purtroppo".

Sofiya Melnik la sua morte misteriosa a Chi l'ha visto?

CHI L'HA VISTO, DIRETTA STREAMING E REPLICA - In riferimento alla visione in streaming della nuova puntata di Chi l'ha visto di stasera, ricordiamo che su Rai.Tv sarà possibile vedere la 'diretta' della puntata in concomitanza con la messa in onda su RaiTre, mentre a partire da domani, sul sito Rai.Tv e nella relativa sezione Rai Replay sarà visibile la replica streaming della puntata. Secondo gli inquirenti, i suoi familiari si sarebbero rifiutati di ottenere assistenza dai servizi sociali. Ci hanno detto di lasciare in pace la loro famiglia.

L'autopsia ha accertato che la ragazza pesava meno di trenta chili, soffriva di una grave flebite non curata ad una gamba e aveva delle larve sul corpo, dovute a scarsa igiene. Fino al tragico 6 gennaio scorso, come segnalato da Chi l'ha visto? Gli esami hanno comunque confermato la morte per cause naturali e hanno escluso la presenza di traumi. Il programma, come di consueto, si rivolge ai casi di persone scomparse e a fatti di cronaca ancora irrisolti.