Golden globe, star in nero: l'Italia resta all'asciutto

12 Gennaio, 2018, 16:33 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Golden globe, star in nero: l'Italia resta all'asciutto

Un'edizione tutta al femminile e contraddistinta dal grido Time's Up, quella dei Golden Globe 2018. Tra gli uomini, nella stessa categoria, si è invece visto vincitore James Franco per il suo ruolo in "The Disaster Artist".

Tre manifesti a Ebbing, Missouri uscirà nelle sale cinematografiche italiane a partire dall'11 gennaio. Ai Golden Globe di stanotte, Chiamami Col Tuo Nome, film di Luca Guadagnino che ha ottenuto tre candidature come miglior film drammatico, miglior interprete protagonista e miglior attore non protagonista, non ha ottenuto nessuno di questi tre riconoscimenti.

L'Italia torna a casa a mani vuote da Los Angeles. La regista Greta Gerwig è stata molto osannata dalla critica e il suo lavoro fatto per la pellicola è stato ripagato, anche se non è stata nominata all'interno della categoria di miglior regista. Candidata anche Helen Mirren come Migliore attrice protagonista per Ella & John - The Leasure Seeker di Paolo Virzì mentre Jude Law è candidato come Migliore attore protagonista in una serie o film per la tv per la sua interpretazione in The Young Pope, la serie originale Sky di Paolo Sorrentino. Seth Meyers, il comico che ha presentato la serata, lo aveva annunciato: "Il tema delle molestie ci sarà ma sarà comunque una festa".

Poi ha parlato di Kevin Spacey: "Lo spettacolo deve continuare, per esempio ho sentito che ci sarà un'altra stagione di House of Cards e mi chiedo se Christopher Plummer sia disponibile", ha detto, riferendosi alla sostituzione all'ultimissimo momento di Spacey, nel film di Ridley Scott "Tutto il denaro del mondo".

Naturalmente non è stato risparmiato nemmeno il 45/mo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump: "Siamo qui grazie ai favori della Hollywood Foreign Press Association, tre parole che non potrebbero essere meglio costruite per far infuriare il presidente". La palma al miglior film dell'anno, nell'edizione in cui le star si sono vestite di nero in solidarieta' con le colleghe che hanno condotto la battaglia per le molestie che subiscono a Hollywood, e' andato a "Te manifesti a Ebbing, Missouri" di Martin McDonagh.