Casa » Sport

Tim Cup: Juventus-Torino, un derby che vale un posto in semifinale

12 Gennaio, 2018, 15:11 | Autore: Ave Pintor
  • PAGELLE/ Napoli-Atalanta: i voti della partita (Coppa Italia quarti - primo tempo)

In basso ci sono squadre vicine in classifica, anche il Benevento sembra in ripresa.

Forse siamo meno adatti all'eliminazione diretta, lascerei come capitolo a parte il Manchester City che vince con tutti, quindi ci sta perdere con loro.

Napoli sconfitto a causa del turnover? Stiamo facendo una stagione straordinaria, in campionato con un atteggiamento diverso. Il secondo di carattere qualitativo: Arek fungeva da piano B in termini strettamente tattici: quando c'era da cambiare lo spartito, in altre parole quando la rete di passaggi palla a terra non funzionava e non riusciva a scardinare le difese avversarie, l'ingresso del centravanti di stazza (e dotato di ottimi fondamentali tecnici) garantiva all'allenatore una considerevole variante.

Dopo la breve sosta invernale il calendario riproporrà proprio Atalanta-Napoli: "E' una squadra che ci disturba, è abbastanza evidente - conferma il tecnico azzurro -".

Roma - L'Atalanta si è qualificata per le semifinali di Coppa Italia battendo 1-2 il Napoli al San Paolo. "Non concedono tanto. Se a Bergamo non giocheremo al 100% avremo problemi". Ci sanno togliere il ritmo, sono fisici e palleggiano bene. I subentrati Mertens, Insigne ed Allan non riescono a modificare il tema della partita.

Sul calendario, svolta per il campionato, ridurre le squadre di serie A: "A me non piace questo discorso della riduzione delle squadre".

"Ridurrei le partite delle nazionali, evitando le 4 pause i campionati possono finire a fine aprile". Si dovrebbe fare un discorso a parte anche per le Nazionali. Anacronistico pensare che un giocatore che costa alla società 2 mln all'anno vada a giocare contro Cipro, Andorra, Gibilterra in giro per il mondo. Il terzetto di Gasperini limita la produzione offensiva del Napoli schermando alla perfezione le trame dei partenopei, limitandole con la solita fisicità ed agonismo, armi che gli azzurri soffrono spesso. Io sono libero in allenamento e decido. "Non mi sto occupando della situazione, se lui fa una scelta personale io non commento".