Amazon, a Seattle nasce il primo supermercato automatico

23 Gennaio, 2018, 13:49 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Apre Amazon Go come è fatto il negozio senza casse nè cassieri

Da quel momento un sofisticato sistema di telecamere che copre ogni centimetro quadrato del negozio lo seguirà passo passo nel suo percorso tra gli scaffali.

Da quanto rilevato, il sistema di intelligenza artificiale di Amazon Go sembra perfettamente funzionante. La particolarità, però, è che non esistono casse né cassieri: dopo aver attraversato corridoi pieni di insalate, panini, bevande, vini, birre, carne, patatine, biscotti e noccioline - alimenti proposti anche grazie all'acquisizione della catena di supermercati Whole Foods - gli utenti non devono mettere mano al portafoglio prima di uscire con la spesa. Centinaia di sensori e telecamere disseminati per tutto il perimetro del negozio si occupano di intercettare i prodotti "acquistati" dall'utente e addebitarli all'account associato ad un metodo di pagamento elettronico. "Il traffico è necessario per addestrare i nostri algoritmi per essere in grado di imparare le cose sull'assortimento e sul comportamento dei clienti", ma in realtà il problema non si pone dato l'enorme successo di partecipazione su cui le iniziative di Amazon possono generalmente contare. E, in generale, è un rischio che l'azienda è disposta a correre.

Per farvi un'idea su come funziona Amazon Go vi suggeriamo di dare un'occhiata al video qui sotto e magari di leggere il report di Recode, mentre qui sotto potete trovare le app per Android e iOS necessarie per entrare nel negozio - nel caso vi trovaste a Seattle, non si sa mai!

Proprio oggi Amazon inaugura il primo punto vendita fisico che elimina le file alla cassa.

Ci ritroveremo Amazon Go anche in Italia?

Il supermarket, situato al piano terra della sede centrale dell'azienda dell'e-commerce di Jeff Bezos, è stato aperto già in via sperimentale nel 2017 soltanto per i dipendenti Amazon, in modo da correggere eventuali errori prima dell'apertura ufficiale al pubblico.

Con questa novità il colosso dello shopping online si accinge ad entrare nel mercato dei negozi fisici. Come assicura la multinazionale, ci saranno anche loro negli store Amazon Go, avranno semplicemente un ruolo diverso: si occuperanno ad esempio della preparazione dei piatti per i clienti o supervisioneranno gli scaffali degli alcolici. Come riscontrato dal giornalista del New York Times Nick Wingfield, non c'è spazio per i furti: se non si ha l'app installata non si entra e se si tenta di rubare nascondendo qualche prodotto, questo viene comunque addebitato.