Spotify ha fatto domanda per quotarsi alla borsa di Wall Street

02 Marzo, 2018, 18:36 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Spotify

La società, che aveva depositato un iniziale richiesta alla fine dal mese scorso, ha ufficializzato che sbarcherà al New York Stock Exchange sotto il simbolo "Spot".

Spotify verso la quotazione in Borsa. La societa' sceglie una quotazione 'diretta', ovvero senza il tradizionale processo che accompagna le initial public offering, incluso il road show e la successiva determinazione del prezzo. Una quotazione diretta consente a Spotify anche di risparmiare milioni di dollari in commissioni alla banche advisor, considerato che Snapchat ha versato 100 milioni di dollari per la sua ipo. Questa di Spotify da tempo si annuncia come una delle IPO più attese, la società del servizio di musica in streaming on demand ha un valore di mercato che oscilla tra i 17 e i 20 miliardi di dollari e con lo sbarco a Wall Street l'azienda co-fondata da Daniel Ek, che ricopre il ruolo di CEO, punta a raccogliere 1 miliardo di dollari. Infatti la quotazione dei titoli rifletterà l'andamento degli ordini di acquisto e vendita. Nella documentazione Spotify indica di aver pagato, nel corso del 2017, 9,77 miliardi di dollari per i diritti, segnalando di aver contribuito alla crescita delle revenue legate al consumo di musica, che aveva toccato i minimi nel 2015.

CNBC riferisce infatti che nel 2017 Spotify ha registrato una perdita di 1,5 miliardi di Dollari, di cui 1 miliardo di Dollari per la spesa non ricorrente derivata da una transazione con Tencent. Spotify ha spiegato la modalità scelta per sbarcare in borsa dicendo che "quotare titoli ordinari al Nyse senza underwriter è un metodo nuovo per iniziare le quotazioni". Dato che questo è un elenco diretto da azionisti esistenti, Spotify stesso non genererà proventi per le proprie casse. La piattaforma può contare su una base utenti di circa 159 milioni di utenti globali, di cui 70 milioni gli utenti paganti.

Le azioni di Spotify sono state scambiate a 132,50 Dollari nei mercati privati.