Sabrina Misseri piange durante l'intervista della Leosini: "Sono stata vittima di bullismo"

12 Marzo, 2018, 18:07 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Sabrina Misseri piange durante l'intervista della Leosini:

Nella prossima puntata, che andrà in onda domenica 18 marzo, Franca Leosini in compagni di Sabrina Misseri e Cosima Serrano si soffermerà sulla figura di Michele Misseri.

Franca Leosini incontra e intervista Sabrina Misseri e Cosima Serrano, condannate all'ergastolo per l'omicidio di Sarah Scazzi. Direttamente con il racconto, e le versioni, di chi ne è stato coinvolto. Ma è Cosima che racconta aspetti sinora sconosciuti: "La piccola Sarah era molto legata a noi, voleva farsi adottare e portava una mia foto nella borsa dicendo che si trattava di sua madre".

Nel corso dell'intervista Sabrina parla con la giornalista del suo rapporto con Ivano Russo.

- più grave ancora, sulle "cimici" nella casa dei Misseri: le microspie c'erano (fonte: Franca Leosini) oppure non c'erano (fonte: Sabrina)? La Leosini ha poi letto gli ultimi messaggi scambiati tra Sabrina e Sarah e tra l'imputata e l'amica Mariangela: per gli inquirenti tali sms sono la prova del tentativo diabolico di depistaggio messo in piedi dalla giovane. Gelosa anche delle attenzioni che Ivano riservava alla piccola Sarah e dell'invaghimento di quest'ultima per il ragazzo. Si può spiegare forse con questo pericolo, oltre che con l'enorme mole di studio che richiede una trasmissione come Storie Maledette, la parsimonia nelle apparizioni tv di Franca Leosini e il numero esiguo di puntate per singola stagione del programma. Sabrina, inoltre, ha ripercorso il rapporto con Ivano Russo, dal momento in cui lo conobbe sino all'innamoramento divenuto ossessione, e che secondo gli inquirenti sarebbe all'origine della tragedia.

Proprio per questo motivo, dunque, la nota conduttrice di Raitre ha cercato - specialmente con Sabrina - di fare delle domande proruginose, riguardanti il rapporto della stessa Sabrina con Ivano Russo, da molti considerato la molla per innescare il delitto. Sabrina probabilmente non si è resa conto della macabra fine della sua sorella mancata Sarah Scazzi. "Era un puntino tenue sulla mappa di Puglia, Avetrana".

Dopo aver accettato l'invito di Claudio Baglioni al festival di Sanremo, l'atteso ritorno della giornalista alle storie maledette non ha deluso i 'leusiners', suoi stimatori social. I protagonisti di "Storie Maledette" non sono mai professionisti del crimine, ma persone che sono piombate nel baratro di una maledetta storia, della quale o sono responsabili o pagano l'alto prezzo di una colpa della quale si professano innocenti. Oggi ha solo 30 anni e una vita dietro alle sbarre davanti.