Casa » Sport

Tirreno Adriatico, la sesta tappa a Kittel

12 Marzo, 2018, 21:24 | Autore: Ave Pintor
  • Michal Kwiatkowski

Marcel Kittel (Katusha-Alpecin) ha colto il secondo successo in questa edizione della Tirreno-Adriatico NamedSport.

Negli ultimi chilometri la Katusha si è un po' disunita e così è stata la Quick-Step Floors a mettere davanti il proprio treno: orfana di Gaviria, la squadra di Patrick Lefévère ha puntato tutto sull'argentino Maximiliano Richeze che è uscito dall'ultima curva in seconda posizione a ruota del compagno di squadra Zdenek Stybar nell'inedito ruolo di ultimo uomo. Michal Kwiatkowski (Team Sky) ha conservato la maglia azzurra di leader. Tappa adatta a velocisti, ultime chance per i corridori in lizza per il titolo. Tanti altri i corridori coinvolti, apparentemente senza importanti conseguenze. Domani la settima ed ultima frazione della Corsa dei Due Mari (World Tour), una cronometro individuale di 10 chilometri sulle strade di San Benedetto del Tronto. "Michal Kwiatkowski parte da grande favorito con 3" di vantaggio su Damiano Caruso che proverà ad approfittare di ogni eventuale incertezza: "dietro può cambiare tutto perché dal terzo al decimo posto ci sono otto corridori in appena 24" con Geraint Thomas (quarto a 29" da Kwiatkowski) che sulla carta è quello con le migliori doti nelle prove contro il tempo. "Abbiamo sempre detto che avrei deciso dopo la Tirreno-Adriatico se avessi partecipato o meno alla Milano-Sanremo ma le sensazioni sembrano positive dopo due vittorie di tappa".

Kwiatkowski: "Oggi per me era una giornata in cui bisognava stare lontano dai guai, con un circuito nel finale molto tecnico, dove ci sono state delle cadute e delle forature". Sul traguardo di Fano è stato Kittel ad avere la meglio su Sagan e a poter quindi alzare le braccia al cielo. "Ero a fianco di Gaviria quando è caduto, mi dispiace per lui - racconta Kittel - Noi siamo rimasti concentrati e abbiamo fatto un ottimo lavoro". Sono stato in grado di rientrare per lo sprint finale ma avevo speso molte energie. Il velocista della Katusha-Alpecin in volata ha superato il campione del mondo in carica Peter Sagan, ancora a secco in questa settimana, e Maximiliano Richeze.