Torino, la madre del 17enne suicida: "Mio figlio vittima dei bulli"

13 Marzo, 2018, 12:24 | Autore: Menodora Allio
  • Torino, la madre del 17enne suicida:

"Mio figlio è stato vittima dei bulli, sono loro che me lo hanno ammazzato". "L'hanno ammazzato i bulli, gli stessi che hanno continuato a prenderlo in giro anche al funerale". "Dicevano che cadeva sempre, qualcuno lo chiamava handicappato". Scusate, ma abituarsi a questo non è possibile, o almeno, se ci si riflette un attimo, la voragine che si prova di fronte ad un orrore del genere è davvero difficilmente gestibile. Uno di quei ragazzini ha guardato la foto di mio figlio e ha detto che da vivo era molto più brutto.

La donna ha raccontato che il figlio a sei mesi aveva cominciato ad avere problemi a gambe e braccia: "Faceva fatica a muoversi". Problemi avuti anni fa, ma che lo hanno segnato e costretto alla quasi perenne condizione di "emarginato". Come raccontano i media locali, prima di compiere l'estremo gesto il ragazzo ha lasciato una lettera di addio proprio alla madre nella quale c'era questo passaggio: "Questo ragazzo moro piange davanti allo specchio e non trova nessuno dietro di sé che gli dica 'ehi oggi sei maledettamente bello'". Su tutto questo sono in corso gli accertamenti dei carabinieri ma al momento in procura non esiste ancora un fascicolo con un reato specifico. La morte di Michele Ruffino, lo scorso 23 febbraio, è passata "via" come se fosse una banale quotidianità; qualcuno viene preso in giro, qualcuno ci rimane male e qualcuno si toglie la vita. "Lui aveva voglia di vivere, cercava una pacca sulla spalla, un amico, una ragazza ma ha trovato solo risate cattive e porte in faccia". "Ti scrivo questa lettera, la mia ultima lettera".

La madre di Michele Ruffino, il 17enne suicidatosi ad Alpignano (Torino) denuncia il bullismo che sarebbe lo sfondo del malessere del figlio. Si hai capito bene, perché non credo di riuscirci più. Al vaglio dei carabinieri computer e smartphone della vittima. Michele "era un appassionato di internet e andava molto spesso sui canali Youtube dove aveva allacciato rapporti con vari coetanei".