L'astrofisico Stephen Hawking è morto

14 Marzo, 2018, 10:06 | Autore: Menodora Allio
  • Stephen Hawking

L'astrofisico di fama mondiale Stephen Hawking è morto all'età di 76 anni.

Hawking aveva convissuto per 55 anni per una malattia gravemente invalidante, la Sla, che lo aveva inchiodato su una sedia a rotelle.

In una dichiarazione, i figli di Hawking, Lucy, Robert e Tim hanno comunicato di essere "profondamente rattristati dal fatto che il nostro amato padre sia morto oggi". "Era un grande scienziato e un uomo straordinario il cui lavoro e eredità vivrà per molti anni". Verrà ricordato per i suoi preziosi studi sui buchi neri, sull'origine dell'universo e sulla cosmologia quantistica.

Era nato l8 gennaio del 1942 a Oxford, in Inghilterra, 300 anni dopo la morte di Galileo. Dal Big Bang ai buchi neri, breve storia del tempo è il romanzo di divulgazione dove parla del cosmo e che l'ha consacrato al grande pubblico, diventando un best seller in poco tempo. Nel 2009 ricevette dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama la Medaglia presidenziale della libertà. Questo processo aiuta a spiegare la nozione che i buchi neri sono esistiti a livello micro fin dal Big Bang e che più piccoli sono più velocemente evaporano. Tali problemi non fermarono i suoi studi anche grazie all'uso di un sintetizzatore vocale che fu ideato apposta per lui. Tre anni fa è uscito il film biografico, che racconta la sua vita, 'La teoria del tutto', con la regia di James Marsh. Per l'interpretazione dello scienziato, Eddie Redmayne vince l'Oscar come miglior attore protagonista.

A dispetto della patologia che lo aveva reso praticamente immobile, Stephen Hawking amava fare battute pungenti ma divertenti come "il più grande nemico della conoscenza non è l'ignoranza, è l'illusione della conoscenza", oppure "la vita sarebbe tragica se non fosse divertente". Hawking ha pure ricevuto 12 lauree honoris causa ed e' stato investito nel 1982 dalla regina Elisabetta del Cbe (Commander of British Empire), un'onorificenza attribuita dalla sovrana in accordo con il primo ministro britannico.