Noto (Siracusa) - Minaccia di sfregiarla con l'acido perché e lesbica

14 Marzo, 2018, 19:22 | Autore: Menodora Allio
  • Roma- Polizia

Quando la figlia, stremata, ha deciso di andarsene di casa e andare a convivere, le persecuzioni sono peggiorate con telefonate e messaggi offensivi e minacce sempre più serie. La madre infatti avrebbe iniziato ad importunarla telefonicamente per convincerla a ritornare sui suoi passi anche inviando messaggi dal contenuto offensivo e velatamente intimidatorio.

Le due donne, però, erano monitorate dagli agenti del commissariato di Frascati, diretto da Mario Gagliardi, che dopo aver avuto notizia di quanto stava accadendo hanno eseguito nei loro confronti una perquisizione delegata dalla procura della Repubblica di Velletri, nel corso della quale sono state trovate carte di credito, documenti d'identità contraffatti e contratti di finanziamento fatti accendere alle vittime. Infine l'avrebbe minacciata di far uso dell'acido per sfregiarla il viso e di investirla con l'auto. L'ultimo episodio risale qualche giorno fa, quando la donna si sarebbe recata nell'esercizio commerciale dove la figlia era stata assunta da poco chiedendo ai titolari di licenziarla perché altrimenti avrebbe fatto una scenata. I titolari hanno licenziato la giovane per evitare conseguenze. La madre è stata denunciata e diffidata dall'avvicinarsi alla figlia. La madre non ha accettato la situazione e ha così cominciato a rendere la vita impossibile. "Essere omosessuali è solo un modo di essere, non una scelta e tanto meno un voler offendere gli altri".il commento del presidente di Arcigay Siracusa Armando Caravini.