Sismabonus 2018: detrazione anche in caso di locazione

14 Marzo, 2018, 17:59 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Bonus mobili per le spese di trasporto e montaggio

Vale per le società: cioè, il Sisma Bonus può essere riconosciuto anche per gli interventi riguardanti immobili di società, non utilizzati direttamente destinati all'affitto.

Sismabonus 2018 anche per le società che effettuano lavori di messa in sicurezza di immobili da dare in locazione.

Nel comunicato stampa del 12 marzo 2018, che ha accompagnato la pubblicazione della risoluzione n. 22/E, l'Agenzia ha ricordato che la detrazione del 50% per lavori antisismici va calcolata su un ammontare massimo di 96.000 euro per unità immobiliare (per ciascun anno).

Tornando alle regole per il riconoscimento del sismabonus 2018 per i soggetti passivi Ires, la normativa attualmente in vigore non prevede vincoli di natura oggettiva o soggettiva in merito alla possibilità di richiedere le detrazioni per lavori su costruzioni adibite ad attività produttive.

A partire dal 1° gennaio 2017 e fino al 31 dicembre 2021 il sismabonus è riconosciuto per gli interventi di messa in sicurezza degli immobili realizzati in zone sismiche ad alta pericolosità (zona 1 e 2) e in zone sismiche a minor rischio (zona 3), così come individuate dall'ordinanza n. 3274 del 20 marzo 2003 del Presidente del Consiglio dei Ministri. Il quesito posto alle Entrate è stato il seguente: gli interventi di adeguamento antisismico che si intende porre in essere sul proprio immobile possono beneficiare del sismabonus anche se le unità immobiliari risultanti dalla ristrutturazione saranno destinate alla locazione abitativa e commerciale e non all'utilizzo diretto ai fini produttivi da parte della Società?

In altri termini, l'agevolazione fiscale sussiste anche quando i soggetti passivi Ires, che possiedono o detengono l'immobile in base ad un titolo idoneo, non utilizzano l'edificio direttamente ai fini produttivi, ma lo destinano alla locazione. La detrazione fiscale sale al 70% della spesa sostenuta se la realizzazione degli interventi determina il passaggio a una classe di rischio inferiore e aumenta all'80% se dall'intervento deriva il passaggio a due classi di rischio inferiori.