Casa » Sport

Lazio, per Inzaghi dubbio Milinkovic-Savic

17 Marzo, 2018, 19:18 | Autore: Ave Pintor

Ma ora tutto dipende da noi, deve essere uno stimolo in più. "Milinkovic dobbiamo decidere se convocarlo o meno perché ancora non è al meglio". Vorrei dire, a chi è contento, di andarci piano. Inzaghi ha poi anche parlato della classifica che vede la sua squadra al quarto posto: "Ci mancano dei punti, la nostra classifica è bugiarda e dovrebbe essere migliore, siamo stati rallentati da episodi che sono sulla bocca di tutti".

PROTESTA - Per domani, prima dell'inizio della partita, i tifosi della Lazio hanno organizzato un sit-in sotto la sede della Federcalcio (a Via Allegri) per protestare contro i torti arbitrali subiti: "Quella dei nostri tifosi sarà una manifestazione pacifica, in puro in stile Lazio".

Luigi Alberto con Felipe Anderson? "Nondobbiamo pensare a ciò che è successo ma al Bologna, sperando difare la partita giusta". Siamo andati a Kiev a fare una grandissima partita con personalità.

Lazio ai quarti come quella di Cragnotti, le differenze?

Luis e Felipe. "Luis Alberto e Felipe Anderson sono giocatori che hanno fatto benissimo, l'altra sera Felipe e Immobile non hanno segnato, ma hanno fatto una grandissima partita".

Il tecnico biancoceleste dovrà far fronte a qualche problema di formazione, tanti gli acciaccati tra cui Lulic e Milinkovic-Savic: "Il bosniaco non ci sarà contro il Bologna, ha avuto un problema fisico. Ogni singolo si mette a disposizione". Abbiamo gli ultimi 3 mesi importanti davanti, abbiamo fatto qualcosa di straordinario finora, ci sono squadre costruite in modo differente in Serie A. Siamo tra le prime 8 in Europa, in Coppa Italia siamo stati eliminati ai rigori e avremmo meritato di più. Luis Alberto ha qualità, può giocare in mediana o sulla trequarti, fa alla perfezione tutto quello che gli chiedo. "Dovevamo fare qualcosa di straordinario, abbiamo avuto il giusto approccio, ero tranquillo dopo 20". "Leiva vuole capire tutto, chiede spiegazioni, è un giocatore importante, è stato un grandissimo acquisto". Proprio il 14 marzo del 2000, infatti, Simone Inzaghi si iscriveva per sempre di diritto nella storia della Champions League. La vittoria di Kiev, arrivata dopo un periodo difficile per la Lazio, dà fiducia per il futuro.