Pensionati statali, le vacanze estive le paga l'Inps

21 Marzo, 2018, 18:39 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Inps, gli incentivi spingono il lavoro: +70mila contratti a tempo indeterminato

"Con quest'atto le Casse intendono togliere ogni alibi all'Istituto pubblico, che da mesi sta ritardando l'adempimento di una legge". Nel contempo, sottolineando che le "pretese" di accollarsi le spese "non hanno fondamento".

La replica non si fa attendere: l'Adepp (l'Associazione che riunisce 19 Enti, cui sono iscritti 1,5 milioni di professionisti) fa sapere che sono state siglate le convenzioni sul cumulo gratuito e "inviate simultaneamente via Pec all'Inps, rimuovendo l'ultimo ostacolo formale al pagamento degli assegni a chi ha già fatto domanda". "Sarebbe una discriminazione inaccettabile imporre ai nostri iscritti di pagare lo stesso costo due volte", dichiara il presidente dell'Adepp Alberto Oliveti. È quanto dichiara il deputato di Fratelli d'Italia Walter Rizzetto sul rifiuto dell'Inps di sostenere le spese di gestione delle pratiche di cumulo con l'intenzione di accollarle alle Casse di previdenza anche per la totalizzazione delle pensioni. A vantaggio dei Consulenti del Lavoro, tuttavia, è bene fare chiarezza sulla vicenda: la normativa prevede che sia l'INPS al pagamento delle pensioni in cumulo, se così non fosse, ENPACL avrebbe già provveduto in autonomia. Niente 'tassa Boeri', dunque.

Pensioni in cumulo, a quando i pagamenti?

Il bando è riservato ai pensionati a carico della gestione dipendenti pubblici e scade alle 12 del 26 marzo.

LA POSIZIONE DELL'INPS. Ieri mattina Gabriella di Michele, Direttore Generale dell'Inps, insieme ad alcuni dirigenti dell'Istituto ha incontrato una delegazione del Comitato per il cumulo gratuito, guidata dal presidente Marco Nicoletti, accompagnata dal senatore Nunzia Catalfo del Movimento 5 stelle. "In questo modo l'Inps sta ostacolando la legittima attuazione di una legge danneggiando tutti i contribuenti che vogliono andare in pensione avvalendosi del cumulo gratuito dei contributi versati a istituti previdenziali diversi" conclude il deputato.

ENPACL è stata ed è disponibile a riversare all'INPS immediatamente, a prescindere da ogni convenzione, le quote pensionistiche di propria competenza, pur di agevolare il pronto pagamento delle pensioni ai Consulenti del Lavoro, i quali dalla 'Lettera aperta' del Presidente dell'INPS hanno potuto soltanto avere conferma dell'ordinaria disorganizzazione dell'Istituto, che purtroppo devono quotidianamente sperimentare nell'esercizio della propria attività professionale. Cioè per scopi che nulla hanno a che vedere con le pensioni in cumulo dei professionisti.

Il contributo erogabile è determinato dall' ISEE del nucleo familiare del titolare del diritto, in percentuale al valore massimo stabilito dal bando di concorso.

L'incontro si è concluso con l'impegno da parte dell'Istituto a invitare formalmente le singole casse a sottoscrivere la convenzione quadro predisposta da Inps e Adepp.