Telemarketing. Garante Privacy blocca Vodafone

05 Aprile, 2018, 18:31 | Autore: Abelardo Magnotti
  • Internet delle Cose Vodafone completerà la copertura NB-IoT a settembre

Grazie alle verifiche ispettive effettuate e alla documentazione richiesta alla società, l'Autorità - si legge in una nota - ha potuto accertare che, nel corso dei 18 mesi presi in considerazione per l'indagine, sono state effettuate nell'interesse di Vodafone fino a 2 milioni di telefonate promozionali e inviati circa 22 milioni di sms senza un valido consenso degli interessati.

L'associazione è impegnata da anni nella lotta al telemarketing selvaggio, causa del 53% delle telefonate "spam" in Italia con una percentuale superiore del 20% rispetto al Regno Unito, ed ha contribuito con svariate denunce ed azioni giudiziarie alla decisione "storica" da parte di Enel di mettere al bando dal 1° giugno 2017 il telemarketing per la vendita dei contratti dell'energia nel mercato libero.

"A seguito delle verifiche ispettive relative alle condotte realizzate nel periodo gennaio 2016-giugno 2017, Vodafone ha già messo in atto, a partire dall'estate 2017, misure volte ad evitate contatti indesiderati nei confronti della clientela".

I trattamenti illeciti portati avanti dalla compagnia telefonica hanno riguardato sia clienti attuali sia clienti potenziali, come anche coloro che avevano cambiato operatore.

Le offerte commerciali indesiderate venivano rivolte a utenti che non avevano manifestato il loro consenso al trattamento dei propri dati personali per finalità di marketing, ma anche a chi aveva avevano espressamente richiesto di non ricevere informazioni di quel tipo o che si avevano addirittura fatto espressa richiesta di cancellazione dei propri contatti dai database di Vodafone e dei call center coinvolti. Inoltre la società telefonica dovrà ridefinire le proprie procedure interne nella gestione dei dati utilizzati per le campagne promozionali. Alla luce dei vari illeciti rilevati e della violazione del principio di correttezza previsto dal Codice della privacy, l'Autorita' ha vietato a Vodafone l'ulteriore trattamento per finalita' di marketing dei dati personali in assenza del consenso espresso degli utenti da contattare. Vodafone dovrà inoltre procedere a una verifica puntuale, in tutte le sedi (rete commerciale e piattaforme web), delle modalità con cui acquisisce il consenso dagli interessati. "Il provvedimento del Garante su Vodafone è di particolare importanza perché per la prima volta riconosce l'invio indiscriminato di milioni di Sms ai consumatori senza che gli stessi abbiano fornito il consenso al trattamento dei propri dati personali, e ne dispone l'interruzione immediata".

Il Garante della Privacy prevede inoltre anche possibili sanzioni per Vodafone, accusata appunto di telemarketing selvaggio.