Alcoa, l'annuncio di Calenda: "Ai lavoratori il 5% dell'azienda"

10 Aprile, 2018, 21:53 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Alcoa, ai lavoratori il 5% del capitale e un posto in Consiglio sorveglianza

L'accordo era stato firmato proprio al ministero dello Sviluppo economico, presenti il ministro Calenda, l'amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, l'amministratore delegato della Sider Alloys, Giuseppe Mannina, e il presidente della Giunta regionale della Sardegna, Francesco Pigliaru.

D'accordo con lui il segretario generale della Fim, Marco Bentivogli (che con Calenda ha anche firmato a gennaio scorso la proposta di un piano industriale per l'Italia delle competenze), che rimarca l'apertura alla partecipazione in questi termini, "è la prima volta che accade nel nostro Paese e apre spazi inediti sul ruolo del sindacato e dei lavoratori dentro l'impresa". Cgil perplessa sul 5%; Calenda, perché problematica? Si tratta dell'articolo che dice: "Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro e in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende". Dichiara infatti che "il 5% va ai lavoratori costituiti in associazione". "Rimaniamo fiduciosi", ha detto Benevento, sottolineando che "oggi i lavoratori si aspettavano qualcosa di più perché hanno una decisione importante da prendere: credere nella reindustrializzazione o accettare i soldi delle buonuscite".

Al prossimo tavolo ministeriale fissato per il 3 maggio la Sider Alloys si presenterà con il piano industriale e, nel frattempo, la multinazionale scioglierà la riserva sulla società che svolgerà i lavori di rewamping: sono i due punti prioritari emersi oggi al tavolo al Mise convocato per fare il punto sul rilancio della fabbrica di alluminio di Portovesme insieme a sindacati e Regione. Il problema urgente dell'ex Alcoa è la scadenza degli ammortizzatori sociali il 30 giugno 2018. Per quanto riguarda la partenza dell'attività e gli ammortizzatori, infine, il ministro ha spiegato che "Sider Alloys sta facendo le perizie sui macchinari e non ha al momento visibilità su quando riprendere a lavorare. Sappiamo che da qui al 3 maggio c'è molto lavoro da portare avanti - ha concluso Pigliaru - e la Regione continuerà a fare la sua parte, come ha sempre fatto negli anni della nostra azione di governo".

PASSAGGIO IN ASSEMBLEA SU QUOTA 5% - "La partecipazione dei lavoratori all'azionariato nella nuova società che acquisirà lo stabilimento Alcoa di Portovesme è una cosa che vediamo di buon occhio e di cui già mercoledì prossimo, 11 aprile, alle 9.30 riferiremo nell'assemblea convocata con i lavoratori a Carbonia". A domanda su quali saranno i diritti e i doveri, soprattutto i vantaggi per i lavoratori "proprietari" del 5%, se la partecipazione sarà consultiva, di indirizzo, di partecipazione agli utili, le risposte sono state generiche, richiamando "l'associazione dei lavoratori" titolare della quota.