Mariah Carey: "Soffro di un disturbo bipolare"

11 Aprile, 2018, 21:40 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Mariah Carey

E ancora: "Per molto tempo pensavo di avere un grave disturbo del sonno - spiega la cantante, ora di nuovo in studio per lavorare su un album che uscirà alla fine dell'anno -". Inizialmente Mariah non ha reagito nel modo giusto, ha preferito non rivelare a nessuno il suo problema e si è chiusa in sè stessa. Di recente, invece, ha deciso di chiedere aiuto e di ricevere le cure necessarie.

In quell'anno, la cantante venne ricoverata per un esaurimento fisico e mentale e, all'ospedale, le diagnosticarono il disordine bipolare: "Non ci volevo credere" ha confessato al caporedattore Jess Cagle.

Mariah Carey è mamma di due gemelli di sei anni, Monroe e Moroccan, e ha deciso di aprirsi su questo tema perché: "Mi sento in un buon posto oggi, dove mi sento a mio agio a parlare della mia lotta contro il disordine bipolare".

Era convinta di avere problemi di salute o un disturbo del sonno. Ma non era insonnia: "non stavo sveglia a contare le pecore, lavoravo, lavoravo e lavoravo" - ha raccontato a People. Lavoravo, lavoravo e lavoravo. Ero irritabile e avevo paura di perdere il controllo sulle persone. E' venuto fuori che stavo sperimentando una forma di mania. I miei episodi depressivi erano caratterizzati da un bassissimo livello di energia. La Carey ammette che in alcuni momenti si sentiva sola e triste, ed inoltre si colpevolizzava per non coltivare la sua carriera. "Fino a poco tempo fa vivevo nella negazione, nell'isolamento e nella costante paura di essere esposta". Ha dichiarato: "Ho chiesto e ottenuto di curarmi, mi sono circondata di persone positive e sono tornata a fare ciò che amo, scrivere canzoni e fare musica".

Mariah Carey ha un disturbo bipolare di tipo II, che implica periodi di depressione e disturbi dell'umore come l'ipomania. "Trovare il giusto equilibrio è la cosa più importante".

Ci sono diverse associazioni che aiutano chi soffre di disturbo bipolare o depressione. Ha continuato: "Spero che cessino i pregiudizi che gravano sulle spalle di chi affronta tali malattie".