Casa » Sport

Gattuso: "Buffon? Sono l'ultimo che può giudicarlo"

14 Aprile, 2018, 18:28 | Autore: Ave Pintor
  • Gattuso:

L'ho incontrato solo una volta, in B, Palermo-Empoli. "Sarri? Quando affronti big come lui devi guardare, imparare e mettere da parte, come dicono i saggi". Sappiamo come giocano, quello che fanno, ti fanno venire il mal di testa.

Gattuso sugli avversari di domani: "È una squadra che mi piace, gira la palla e muove i giocatori in maniera fantastica".

Se mi sento simile a Sarri?

Un confronto sol look di Sarri, ma anche col suo gioco: "Non siamo il massimo, ci assomigliamo nel modo in cui ci presentiamo in pubblico". E' fra i grandissimi allenatori italiani che hanno cambiato il calcio.

Di seguito le sue parole: "Sono l'ultima persona che può parlare di altri". Io non posso parlare. Gigi rimane un grande compagno e un grande campione, se vorrà chiederà scusa. Per il calcio italiano fa solo piacere, non giudico Buffon perchè quando si perde è difficile.

"Sono orgoglioso di lui, ora cominicia il bello". Donnarumma ha raggiunto le 100 presenze? Sono orgoglioso di Gigio, deve dare continuità e ha l'obbligo di provare a diventare il portiere più forte al mondo. Giocava il mio gemello Rino, e tuttora mi è rimasta questa cosa. Se avessi visto una squadra che non ci provava, senza rabbia, sarei andato in bestia, ma non è così. Il nostro momento? Dopo le tante vittorie negli ultimi tre mesi, certi risultati erano iniziati a piacerci. Il peggio è quando vedo i miei ragazzi con le infradito e i pantaloncini corti, quando invece sono incazzati è un bel segnale. Per me le prime settimane, i primi 12/13 giorni sono fondamentali nella preparazione. "Zapata andrà a fare i Mondiali con la Colombia, è un giocatore di livello". Però è normale che dopo 3 partite fai due punti, si vede qualche segno di scoramento. Sanno cosa fare quando palleggiano, mi piace vedere i loro 4 difensori muoversi, sono uno spettacolo, hanno grande qualità.

Var? In Europa ci sono interessi incredibili e non capisco come non possa esserci.