Governo Centrodestra: ipotesi gruppi unici. Così Silvio c'è ma non si vede

14 Aprile, 2018, 13:38 | Autore: Menodora Allio
  • Magari adesso basta

Il punto non è che il governo non c'è già, il problema è che nessuno si è neanche seduto a un tavolo per trattare.

Lo stesso commento Salvini lo ha fatto a Radio Anch'Io e al Tg3: "Se Berlusconi e M5S continuano a dirsi malavitoso o antidemocratico, gli italiani si stufano, io mi stufo e si torna a votare". E chi osserva tutto ciò, da spettatore interessato, è Silvio Berlusconi.

Di Battista ribadisce il proprio no "a Forza Italia e dico no a Berlusconi". Non c'è stata dichiarazione dei "soldatini" di Beppe Grillo che non abbia insolentito l'ex Premier in modo non pesante, ma di più.

E dal primo giorno dopo il voto che i grillini ne dicono di cotte e di crude al Cavaliere e prepotentemente disconoscono Forza Italia e i suoi elettori.

Nonostante sia stato Salvini a leggere il comunicato del centrodestra, mandato in onda in diretta dal tg di La7, la scena è sembrata volersela prendere a tutti i costi Berlusconi. Di fronte a una precisazione di Berlusconi, che sarà stata improvvida ma non sgarbata e offensiva, parla di battutaccia e difende Di Maio?

Martino e Pagano hanno sottolineato che il presidente Berlusconi ha visitato il monumento realizzato nel sito della scuola 'Jovine' di San Giuliano di Puglia, crollata durante il terremoto del 31 ottobre 2002, quando il leader di Forza Italia era presidente del Consiglio, e dove morirono 27 bambini e la loro maestra. Non si può andare avanti così, qualcuno deve compiere un passo in avanti ed è arrivato il momento che i leader politici in campo dimostrino di essere all'altezza, prendendosi finalmente una responsabilità per sbloccare la situazione e dimostrare di essere in grado di governare, anche prendendo scelte scomode e complicate.