Casa » Sport

Sampdoria, Giampaolo: "Buffon? Chi lo attacca è un ragioniere da scrivania"

14 Aprile, 2018, 16:11 | Autore: Ave Pintor
  • Lo stadio della Juventus è stato inaugurato l’8 settembre 2011 ed è costato 155 milioni

Il doriano piace in Inghilterra dove ci sono Everton e Newcastle ma la sua avventura potrebbe continuare in Italia.

La partita sulla carta è proibitiva, ma solo sulla carta. Questo significa che può sempre accadere di tutto. Praet e Torreira stanno bene e Barreto ha recuperato, giocherà. "L'obiettivo è che ora siamo in ballo e dobbiamo ballare, ogni partita è importante per continuare a ballare". La mia intenzione è continuare, poi a fine campionato ci incontreremo e con grande serenità decideremo insieme cosa fare. Abbiamo fatto un bel passo in avanti, adesso hai una tutela in più.

Sulle frasi di Buffon dopo la partita col Real? "Il VAR non è di certo infallibile, ma è un elemento di garanzia e fa stare tutti più sicuri, anche dal punto di vista mentale". "Ovviamente se sta bene per noi è fondamentale". Assodati i problemi sulle fasce, gioca sicuramente Sala mentre sulla sinistra ho ancora dei dubbi. Bereszynski e Murru sono out.

Col Genoa la Samp ha fatto una grande partita non concedendo nulla, poi ci è mancato il goal. Per avere chance bisogna non regalare palla alla Juve, e riuscire a contrapporti nel migliore modo possibile.

Sullo sfogo di Buffon di mercoledì sera: "Capisco Gigi".

"Sappiamo che ci aspetta una partita difficile perche' giochiamo contro i piu' forti in Italia che vengono dall'eliminazione in Champions, ma noi siamo reduci da due risultati positivi, cercheremo di andar li' facendo il nostro gioco sapendo che sara' complicato". Strinic, il fatto che sia in scadenza di contratto, non mi interessa.Ha avuto problemi fisici qualche mese fa ed è anche dimagrito. Sulla corsa all'Europa. "Chi mi preoccupa di più tra Torino e Fiorentina?" Però gliel'ho detto, se ritornerà in forma giocherà. Assistere ad una partita di Champions senza il VAR è come tornare indietro di 20 anni.

Infine sulla sua permanenza a Genova: "Alla Sampdoria sto benissimo, qui posso lavorare bene e con tranquillità. Adesso contano le partite che rimangono, per il resto vedremo dopo".