Fiera Verona, da domani Vinitaly. Sempre più "green" e bio

15 Aprile, 2018, 06:58 | Autore: Menodora Allio
  • LA-CITT-DEL-VINO-E-DEL-CALENDARIO-AL-VINITALY-IL-SINDACO-ALLEVENTO-SU-CIRO-E-GAGLIOPPO

Domani, a Verona, prende il via la 52° edizione di Vinitaly, una delle più importanti mostre enologiche internazionali.

Acqua Dolomia, partner del Movimento Turismo del Vino FGV, parteciperà alla 52.a edizione del VINITALY dal 15 al 18 aprile a Verona. Crescita anche nell'offerta "green" con le aree VIVIT, VinitlyBio e FIVI. Ed è così che il salone internazionale dedicato a vini e distillati apre superando le 4.380 aziende, 130 in più rispetto all'edizione precedente, e anche gli espositori esteri nell'International Wine_Hall aumentano raggiungendo 36 paesi rappresentati, contro i 29 del 2017. Domenica 15 è prevista la degustazione della Birra Serrocroce Granum a cura del Birrificio Serrocroce di Vito Pagnotta; Presentazione evento CiakIrpinia con la partecipazione di stampa, produttori e tecnici.

Sono queste le tematiche che saranno al centro della tavola rotonda "Enoturismo e Territorio: scenari e sviluppi futuri della wine destination" che si terrà sabato 14 aprile a Bardolino (Verona) a Villa Carrara Bottagisio alle 10.30. "Per il quarto anno Veronafiere ha il piacere di ospitare a Vinitaly e sostenere la campagna di sensibilizzazione della Polizia di Stato, in collaborazione con l'Unione Italiana Vini e le 44 cantine che hanno aderito all'iniziativa", commenta Maurizio Danese, presidente di Veronafiere "È fondamentale, infatti, promuovere insieme un approccio al mondo del vino basato su cultura e conoscenza affinché i giovani di oggi diventino la generazione di wine lover responsabili del futuro". Lo stand offrirà ai visitatori gigantografie del paesaggio e delle bellezze artistiche del territorio, nell'anno in cui tra l'altro si festeggiano i 500 anni dalla posa della prima pietra di uno dei simboli della città toscana, il Tempio di San Biagio. Con la guida dell'enologo Lorenzo Landi e del giornalista Gianni Fabrizio, un viaggio alla scoperta dei cambiamenti e delle evoluzioni dell'invecchiamento del Vino Nobile di Montepulciano.

Marcatori identitari, patrimonio culturale, terroir e produzioni d'eccellenza continuano a rappresentare gli strumenti attraverso i quali favorire la promozione dei turismi 365 giorni l'anno.

Al Vinitaly saranno rappresentanti anche tutti e quattro i frantoi dell'area euganea, ovvero il Frantoio di Cornoleda (Cinto Euganeo), il Frantoio di Valnogaredo (Cinto), il Frantoio Evo del Borgo (Arquà Petrarca) e il Frantoio Colli del Poeta (Arquà Petrarca), che gestirà lo stand e che ha ospitato questa mattina la conferenza stampa di rito.