Casa Bianca smentisce Macron

16 Aprile, 2018, 11:07 | Autore: Menodora Allio
  • MANDEL NGAN via Getty Images

E' scontro Stati Uniti-Francia dopo il raid militare in Siria. Il presidente francese, Emmanuel Macron, rivendica la legittimità dell'intervento.

Bashar al Assad è convinto che i missili occidentali contro la Siria non avranno altro effetto che "unire il Paese" sotto la sua leadership. Obiettivo della nuova risoluzione: indagare sull'uso di armi chimiche in Siria. Il presidente francese ha rivelato anche di aver convinto il presidente Usa, Donald Trump, a restare a lungo in Siria: "Dieci giorni fa - ha detto Macron nell'intervista in diretta a BFM TV - il presidente Trump ha detto che gli Stati Uniti intendevano disimpegnarsi dalla Siria". "Noi - ha spiegato - l'abbiamo convinto che era necessario rimanere a lungo".

Sui termini dell'impegno militare americano in Siria, però, Trump smentisce nel giro di poche ore Macron. Dalla Casa Bianca arriva infatti una netta presa di posizione: "La missione Usa non è cambiata, il presidente ha chiarito di volere che le forze militari tornino a casa al più presto - ha dichiarato la portavoce Sarah Sanders - Siamo determinati a schiacciare completamente l'Isis e creare le condizioni che prevengano un suo ritorno". I russi hanno descritto Assad come assolutamente "positivo e di buon umore". L'Unione europea di Macron, che verrà meglio illustrata questa settimana a Strasburgo, non deve essere soltanto "democratica" ma anche "sovrana", e sovrana nel suo complesso, sommando le singole nazioni. Con un affondo anche sul fronte delle indagini condotte dal procuratore speciale Robert Mueller, quando ha parlato di ostruzione della giustizia da parte di Trump: "Certamente c'è qualche prova", ha affermato.

Sembra quasi un botta e risposta quello avvenuto a distanza tra il premier francese Emmanuel Macron e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Ed ecco puntuali le nuove misure anticipate dall'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley in un'intervista alla Abc e che dovrebbero essere annunciate ufficialmente nelle prossime ore dal segretario al Tesoro Steve Mnuchin. Il capo del Cremlino, si legge in una nota ufficiale, lo ha affermato nel corso di un colloquio telefonico con il presidente iraniano, Hassan Rohani. Riguardo alla Russia, poi Macron ha ribadito la convinzione della complicità di Mosca negli attacchi chimici per aver aperto la strada alle azioni del regime siriano. I vertici di Onu e Ue hanno intanto indetto riunioni per parlare dell'attacco congiunto di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna.