Mps torna a sorpresa in utile e vola in Borsa

11 Mag, 2018, 11:22 | Autore: Nazario Acquaviva
  • FILIPPO MONTEFORTE via Getty Images

L'utile ante imposte è pari a 111 milioni di euro rispetto alla perdita di 129 milioni di euro del primo trimestre 2017. La quota di mercato del gruppo sulla raccolta diretta è stabile al 3,71%. Rispetto all'ultima trimestrale del 2017, però, i ricavi di Mps sono aumentati di 74 milioni. Prosegue la riduzione dei crediti deteriorati. Sul fronte patrimoniale i valori non sono ovviamente confrontabili essendo intervenuta nei mesi successivi al 31 marzo 2017 l'operazione di salvataggio con la ricapitalizzazione precauzionale a opera dello Stato.

Ulteriori notizie positive hanno interessato, tra oggi e ieri, la questione delle sofferenze.

(Teleborsa) - Il Gruppo Monte dei Paschi di Siena ha completato il processo di cartolarizzazione per cedere un portafoglio di 24,1 miliardi di euro di sofferenze ed ha ottenuto il rating investment grade per la tranche senior.

La cartolarizzazione, effettuata con l'assistenza di Deutsche Bank, Mediobanca, JP Morgan, Hsbc e Credit Suisse, rappresenta uno dei punti chiave del Piano di ristrutturazione concordato la scorsa estate con le autorità di vigilanza ed è ora prossima a essere perfezionata completamente con il via libera nelle prossime settimane alla garanzia Gacs sui titoli senior per oltre 2,9 miliardi di euro ed entro giugno con il deconsolidamento dell'intero portafoglio. I ricavi complessivi sono scesi del 6% a 877 milioni di euro per la flessione del margine di interesse, sceso del 7,9% a 421 milioni di euro, e delle commissioni nette che si sono attestate a 407 milioni di euro (-4,6%). In apertura il titolo, dopo che non era riuscito a fare prezzo, ha segnato un rialzo dell'8,31% a 2,95 euro. Al 31 marzo 2018, la percentuale di copertura è del 68,8%, in aumento rispetto al 31 marzo 2017 (pari a 54,3%) e rispetto al 31 dicembre 2017 (pari a 65,5%).