Istat, l'Italia è il secondo Paese più vecchio al mondo

16 Mag, 2018, 16:22 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Istat occupazione donne sale al 49% ma Italia penultima in Ue

Ma se oltre a vivere di più si vuole vivere bene, allora lo scettro del miglior Comune spetta a Bolzano: qui infatti l'aspettativa di vita in buona salute è di 69,3 anni per gli uomini e di 69,4 anni per le donne vincendo il confronto con la media nazionale (60 anni per gli uomini, 57 anni e 8 mesi per le donne). L'Italia è il secondo Paese più vecchio del mondo: 168,7 anziani ogni 100 giovani. La popolazione totale diminuisce per il terzo anno consecutivo di quasi 100mila persone rispetto al precedente.

Solo il 18,5% di chi parte senza questi vantaggi si laurea e solo il 14,8% ha un lavoro qualificato. La cerchia di parenti e amici è anche decisiva nel trovare e non solo nel cercare un impiego: lavora grazie a a questo "canale informale" il 47,3% (50,6% al Sud) contro il 52,7% che l'ha ottenuto tramite annunci, datori di lavoro agenzie, concorsi. Le nascite, in particolare, sono in calo da nove anni: nel 2008 erano state 577 mila, nel 2017 sono state 464 mila, un nuovo minimo storico dopo quello dell'anno precedente. Rispetto al 2008 il calo delle nascite ammonta a oltre 100mila unità, -19%.Lavoro, maglia nera al Sud - L'Istat rileva che "il Mezzogiorno rimane l'unica ripartizione geografica con un saldo occupazionale negativo rispetto al 2008 (-310mila, -4,8%)". Lo afferma il Rapporto annuale dell'Istat presentato oggi a Roma.

Il suddetto rapporto offre una panoramica completa del nostro Paese riferita all'anno 2017; mentre viene segnalata una ripresa economica, con un aumento del PIL attestato all'1,5%, emergono anche altri dati meno incoraggianti.

Preoccupante la situazione del Mezzogiorno che non ha ancora recuperato il livello pre-crisi. E ancora, se nell'industria si sono perse 895mila unità nei servizi se ne sono guadagnate 810mila.