Casa » Sport

Diritti tv: Lega archivia Mediapro, trattative private

05 Giugno, 2018, 16:26 | Autore: Ave Pintor
  • Diritti tv: la Lega di Serie A volta pagina e prova con le trattative private

All'incontro erano presenti il presidente della Lega Serie A, Gaetano Micciché, l'avvocato Paolo Nicoletti, ex sub commissario e profondo conoscitore del tema, il presidente di Mediapro, Jaume Roures, l'Ad del Milan Fassone e il vicepresidente dell'Udinese Campoccia, oltre agli advisor di Infront e ai legali di Mediapro. Ora la discussione si concentra sulla struttura dei pacchetti per le trattative private.

Milano - Dopo due bandi andati a vuoto, e un terzo che ha prodotto l'accordo con Mediapro, naufragato per l'inadempienza degli spagnoli, la Lega di Serie A tenta la strada residua per vendere i diritti tv del campionato al via il 19 agosto.

Miccichè, caparra Mediapro resta a Lega A - "Il contratto con Mediapro da mezzanotte si è di fatto risolto". "Il bando è offerto a tutti i broadcaster, ora vedremo cosa succederà", ha tagliato corto il banchiere, secondo cui la Lega Serie A si trova davanti a "un momento importante".

"E' un momento importante, si apre una fase di offerta da parte di tutti i broadcaster nazionali e internazionali - ha aggiunto il numero uno della Lega Calcio - E' il momento di valorizzazione del calcio italiano".

Da verificare sono le intenzioni degli altri broadcaster potenzialmente interessati, da Perform a Tim, da Mediaset a Discovery, senza escludere Mediapro, che potrebbe rientrare in partita non più come rivenditore ma come editore, magari non in solitaria.

"Queste garanzie sono state presentate in una riunione avvenuta oggi pomeriggio alla presenza del Presidente della Lega, dei consulenti legali e ai rappresentanti del board della Lega", prosegue Mediapro, che, "a seguito dell'accettazione formale delle garanzie da parte dell'assemblea già convocata domani mattina, riprenderà il processo di vendita dei diritti tenendo conto del pronunciamento del Tribunale di Milano". "Venerdì ci sarà una nuova assemblea per analizzare le prime offerte, la settimana prossima si chiude".