Russell Crowe: 'Forza Roma!' per il bis da Gladiatore

06 Giugno, 2018, 23:56 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Il Gladiatore torna nella Capitale, Russel Crowe grida:

"Ma ancora più importante rispetto al valore culturale dell'iniziativa, è quello prettamente solidale -sottolinea Emanuele - in quanto i proventi della prima serata, quella del 6 giugno presso il Colosseo, saranno devoluti a favore della campagna End Polio now, un programma di eradicazione della poliomielite sostenuto a livello internazionale, anche da Unicef e OMS, cosa che è pienamente in linea con l'attività a favore dei meno fortunati da me sempre perseguita". Per l'occasione sono arrivati a Roma il Maestro Justin Freer, la voce solista Lisa Gerrard, il compositore Hans Zimmer e l'indimenticabile protagonista del film, Russell Crowe.

"Ho scoperto questo evento navigando in Rete, nessuno mi aveva invitato ufficialmente, ma volevo esserci anche prima di essere chiamato assolutamente". Arrivato oggi al Forum music village in piazza Euclide per presentare l'evento che vedrà l'Orchestra italiana del Cinema eseguire in sincrono la colonna sonora, Crowe ricorda che l'appuntamento al Colosseo serve per raccogliere fondi per il progetto End Polio Now e per costruire un ascensore all'Anfiteatro Flavio "consentendo ai disabili di godere della stessa vista degli altri".

Amo l'Italia, un paese in cui si vive bene e dove sono stato diverse volte, ma sempre per pochi giorni. Vorrei un giorno restare per un periodo più lungo. Invece con Ridley Scott abbiamo capito dopo che era un film per le donne, una storia che parla alle donne. "Immagino che proprio una passeggiata non sia stata, credo sia complesso ottenere le autorizzazioni e sono contento che tutte le amministrazioni coinvolte abbiano detto sì". "Con questo film ho un legame particolare, ha rappresentato cinque mesi della mia vita girarlo e dopo 20 anni ha ancora qualcosa di magico capace di creare un legame mistico con le persone". Infine una considerazione sul film, a 18 anni di distanza: "Quando abbiamo girato il film pensavsmo fosse per gli adolescenti perché d'azione".

Russell Crowe ha poi svelato un retroscena piuttosto triste, dato che non ha più la sua armatura originale della scena finale de Il Gladiatore andata all'asta per pagare il divorzio dalla moglie. Ora la cosa che amo di più è poter stare insieme ai miei figli, ascoltare e anche fare musica con loro: "il grande suona benissimo il pianoforte, ma il patto è che possiamo suonare soltanto dopo che si è esercitato". E non solo nelle vesti cinematografiche di Russell Crowe.

In attesa di incontrare Francesco Totti domani sera al Colosseo, Crowe conferma ancora una volta la sua passione per i colori giallorossi.