"Pino E'": San Paolo resta a secco, la birra finisce dopo un’ora

09 Giugno, 2018, 07:16 | Autore: Cleonico Iarussi
  • 'Pino è', fan in fila dalle 8 al San Paolo per il maxi concerto

Giovedì sera si è tenuto allo stadio San Paolo di Napoli un mega tributo live dedicato alla memoria di Pino Daniele. Critiche a go-go su twitter e facebook a Jovanotti, Ramazzotti, Elisa, Sangiorgi e altri. Nannini e Mannoia tra le poche a salvarsi. Molti fan hanno commentato dicendo che sarebbe stato bello vedere anche lui sul palco: "Dovevi esserci anche tu stasera al San Paolo!". A ricordare l'artista napoletano anche la seconda moglie Fabiola Sciabbarrasi, che al settimanale Grazia si è lasciata andare a più di qualche amara confessione dettata dal risentimento.

Pino Daniele è uno degli artisti nostrani più difficili da interpretare, questo perché le sue canzoni apparentemente semplici hanno davvero poco a che fare con la tradizione del belcanto italiano.

A omaggiare l'artista saranno tanti amici con i quali ha condiviso vita e musica, a cominciare da Biagio Antonacci con il quale ha duettato per ultimo in One Day e che l'artista di Rozzano ha proposto in radio solo di recente.

Dopo la separazione con Pino Daniele, Fabiola non ha trascorso momenti felici, ciò nonostante in seguito alla sua morte, l'ex modella ha continuato a chiedersi cosa avrebbe potuto fare per ricucire i rapporti. "Ma proprio siete sicuri che gli volete bene a Pino Daniele?". "Pino...perdonali...apprezza l'impegno". "Ora James Senese scassa il sassofono in testa a qualcuno...". Lo fa tramite grandissimi interpreti e in una ambientazione da brividi: "quella Napoli che ha fatto nascere Pino, che lo ha fatto diventare quello che era e che gli ha permesso di raccontarla al mondo intero sia con le lacrime che con il sorriso, ma sempre con grande amore".

Durante la manifestazione c'è stato spazio anche alcuni interventi di comici ed attori. "Un siparietto che non è piaciuto al pubblico presente che ha bersagliato di fischi le sue parole e che non ha trovato l'approvazione nemmeno dei social: "'a pummarola e 'a pizza, gli stereotipi piu poveri che esistano per raccontare una cultura appartenente a una città.