Norman, la prima intelligenza artificiale psicopatica creata al MIT

10 Giugno, 2018, 13:41 | Autore: Nazario Acquaviva
  • PER INGRANDIRE

Dopo la rivolta dei dipendenti, Google si impegna a non utilizzare l'intelligenza artificiale per scopi militari ma continuera' a collaborare con il governo americano e con il Pentagono. Un cervello elettronico che elabora enormi quantità di informazioni, che impara dai risultati delle sue azioni e non riposa mai è sempre stato il sogno degli umani: riuscire a creare qualcosa che superi le proprie capacità, anche se gli esperti avvertono che questi progressi tecnologici potrebbero essere devastanti se utilizzati da persone il cui scopo non è il benessere dell'umanità.

Un singolare esperimento condotto dal MIT di Boston porta alla luce una indiscutibile verità: ecco come il diverso modo di addestrare un'intelligenza artificiale può influenzarne il comportamento, così è nato Norman, l'AI piscopatica. I ricercatori lo hanno 'allenato' con delle immagini di persone morenti prelevate da una sottodirectory del sito Reddit, mentre un'altra intelligenza artificiale è stata addestrata con foto normali di animali e persone.

Entrambe sono state poi sottoposte al famoso test di Rorschach, noto test psicologico proiettivo utilizzato per l'indagine della personalità. Nell'interpretazione delle macchie di inchiostro sulle tavole, Norman non ha elaborato che immagini di morte, esecuzioni capitali, assassini, sangue e incubi di varia natura. Sembra improbabile che vedremo i robot sparare per le strade, ma il rapporto contempla la possibilità che potremmo essere attaccati da droni commerciali o veicoli autonomi in una manovra programmata e priva di rischi per coloro che la ordinano. L'amministratore delegato di Mountain View, Sundar Pichai, in un post sul blog della societa', assicura che Google non utilizzera' l'intelligenza artificiale "per armi e altre tecnologie che hanno come obiettivo principale o di adempimento quello di provocare o causare direttamente danni alla gente". "Quindi quando le persone parlano di algoritmi 'razzisti' o 'scorretti' il problema non è nell'algoritmo in sé, ma nei dati usati", scrivono gli ideatori sul sito.

"Una coppia che si guarda", per l'AI di controllo; per Norman è "un uomo che si lancia da una finestra". Questo il nome della prima intelligenza artificiale psicopatica messa a punto da un gruppo di scienziati del Massachussetts Institute of Technology: Pinar Yanardag, Manuel Cebrian e Iyad Rahwan hanno "educato" Norman all'image captioning, un metodo di machine learning che permette alle intelligenze artificiali di descrivere le immagini.