Centrodestra a guida Lega avanza, frenata del M5s

12 Giugno, 2018, 13:17 | Autore: Menodora Allio
  • Conte in visita a Amatrice accompagnato dal sindaco ed altri funzionari

Terzo: bisognerà vedere come finiranno quei ballottaggi - molti dei quali nell'ormai ex riserva rossa del centrosinistra, da Pisa a Massa a Siena senza contare la perdita di Terni, Catania, Treviso e Vicenza che amministrava - ma le buone notizie per il centrosinistra si limitano all'exploit di Brescia, a tenere Ancona, a Trapani (70% a Giacomo Tranchida), alla Capitale e poi si vedrà sui piccoli e piccolissimi centri. "Grazie a tutti i candidati che in questa campagna elettorale hanno cercato di dare questo messaggio con determinazione e passione". "E' una Lega che cresce dappertutto", commenta a caldo il governatore del Veneto Luca Zaia che osserva: "abbiamo saputo trasformare il consenso politico in progetto". Barletta al primo turno va a Mino Cannito, a Brindisi ci sarà il ballottaggio tra centrodestra e centrosinistra. Per Luigi Di Maio è falsa la lettura che la stampa dà del risultato pentastellato: "Il Movimento 5 Stelle anche a questa tornata elettorale si è presentato da solo in tutti i comuni contro coalizioni di decine di liste". A Viterbo, dopo aver governato per cinque anni in una coalizione di centrosinistra, il Pd non arriverà al ballottaggio. Per Casu, "come attesta il voto di ieri in III e VIII Municipio, dopo due anni di malgoverno e promesse tradite avete miseramente fallito e la maggioranza dei romani vi ha già voltato le spalle".

Nell'unico capoluogo di regione al voto è avanti Valeria Mancianelli del centrosinistra con il 47% su Stefano Tombolini del centrodestra col 28%. In testa nelle preferenze dei cittadini i due candidati civici del centrosinistra, che alle ultime primarie di coalizione avevano sconfitto il Pd.

Le stime di YouTrend parlano per esempio di un Movimento 5 Stelle che su scala nazionale tocca il 10%.

IVREA, NELLA CITTA' DI CASALEGGIO FLOP DEL M5S - Sarà il ballottaggio del 24 giugno a decidere il nuovo sindaco di Ivrea. Perinetti ha ottenuto il 35,8% dei voti, risultando il più votato.

Il Movimento 5 Stelle alle Amministrative non sfonda. A Bisceglie sarà scontro tra Angarano (centrodestra) e Casella (civiche). Rucco è di una lista civica, che porta il suo nome, ma ha ricevuto il sostegno essenziale della Lega e degli azzurri. Franco Collalti, sfidante espressione del centro destra, si è fermato al 14, 54% dei voti. A Imperia è in vantaggio l'ex ministro Claudio Scajola, sostenuto da una serie di liste civiche, che dovrà vedersela al ballottaggio con Luca Lanteri, candidato del centrodestra. L'ipotesi che pare più plausibile, scrivono i ricercatori, "è che si tratti di elettori legati al mondo associativo e organizzativo tradizionalmente di sinistra (i sindacati, in particolare) e che, alle politiche, possono aver scelto la Lega perché impauriti dall'immigrazione (contro cui Salvini promette maniere decise) o perché attratti dalle promesse di modifica della Legge Fornero".