Diritti tv Serie A, com'è andata l'assemblea di Lega

13 Giugno, 2018, 21:55 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Diritti tv: Mediapro s'è defilata, niente offerte! Sky nuovamente in pole position: le ultime

Al termine l'assemblea procederà, se del caso, all'assegnazione totale o parziale dei tre pacchetti in vendita: uno con quotazione minima di 452 milioni con tre partite a giornata (sabato alle 18, domenica alle 15 e 20.30); uno da 408 milioni con quattro match (sabato alle 15, domenica alle 15 e 18, e il 'monday night'); e uno da 240 milioni con tre gare (sabato alle 20.30, domenica alle 12.30 e 15). Siamo riusciti a ottenere anche una partecipazione rilevante di circa 100 milioni che si vanno ad aggiungere a risultati variabili che faranno Sky e Perform in funzione dei ricavi. La RAI continuerà a trasmettere 90° Minuto. "Ho appena chiamato il direttore generale della Rai per comunicarglielo". "90' Minuto andrà in onda anche quest'anno e certamente per prossimi tre".

Sono state presentate soltanto tre offerte per i diritti tv del triennio 2018-2021 e sono quelle di Sky, Mediaset e Perform. Così il presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, dopo l'assegnazione dei diritti tv del campionato a Sky e Perform. Si attendono conferme ufficiali. "Alla fine tutto si è risolto come ci si aspettava", ha detto il patron del grifone. Ora non c'entra, siamo qui per parlare di diritti tv. Ora si apre la seconda fase delle trattative private. Si è invece fatta fuori Mediapro, insieme a Tim. In base al bando sono possibili rilanci fino alle 20. Stamattina sono arrivate in via Rosellini le offerte di Sky, Perform e Mediaset.