Ancona, sieropositivo da 11 anni ma aveva rapporti non protetti: arrestato

14 Giugno, 2018, 21:06 | Autore: Rufina Vignone
  • ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

Oggi un altro uomo, sieropositivo all'Hiv da 11 anni, è stato arrestato perché secondo gli inquirenti di Anacona aveva rapporti sessuali senza adottare alcuna precauzione.

A denunciare "l'untore" è stata la sua partner, rimasta contagiata dal virus dell'Hiv. L'uomo, che nega la malattia di cui è affetto da almeno 9 anni, è accusato di lesioni dolose gravissime. La donna è stata irreparabilmente contagiata nel recente periodo trascorso dal virus. Dopo lo choc, ha riferito la polizia, c'era stata una fitta corrispondenza di messaggi Whatsapp tra i due: lei chiedeva con insistenza spiegazioni su ciò che era accaduto, ottenendo da lui timide ammissioni alternate a complete negazioni della malattia. Successivamente sono state eseguite le perquisizioni domiciliari delegate dalla Procura della Repubblica volte alla ricerca di ulteriori elementi di prova utili al proseguimento delle indagini. Così hanno posto sotto sequestro computer, tablet, telefonini e supporti informatici, dal momento che l'uomo utilizzava soprattutto "chat" per avere nuove frequentazioni. Per questo un 35enne di Ancona è stato arrestato, in seguito alla denuncia di una donna con cui aveva una relazione dallo scorso dicembre.

"Chiunque fosse in possesso di notizie utili, è pregato di contattare con urgenza personale della Polizia di Stato - Squadra Mobile di Ancona, negli orari mattina o pomeriggio al numero 071-2288595". Pinti intanto è stato trasferito nel carcere anconetano di Montacuto dove i sanitari dovranno valutare le sue condizioni per verificarne la compatibilità con la detenzione.

A sottolineare l'assurdità delle affermazioni dell'uomo, sul Corriere, interviene Marcello Tavio, direttore della divisione malattie infettive dell'ospedale Torrette di Ancona e vicepresidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali.