Casa » Sport

Ancelotti accoglie Ronaldo: "Per il Napoli è una motivazione in più"

11 Luglio, 2018, 19:25 | Autore: Ave Pintor
  • Il Napoli è arrivato a Dimaro: entusiasmo alle stelle, Ancelotti il più applaudito

Noi avevamo chiuso la trattativa con il Manchester City 15 giorni fa, ma ora si è inserito il Chelsea che lo pagherà di più, e anche il ragazzo preferisce Londra a Manchester. "Comunque l'accordo con il patron Abramovic è a prescindere dall'andata di Sarri al Chelsea". Un nuovo 'impiego' per allontanare lo scoramento dei 91 punti senza vincere lo Scudetto e che può rivelarsi prezioso carburante per una seconda vita calcistica di Hamsik e, allo stesso tempo, utile per il motore della formazione di Don Carlo. Inglese ha grandi potenzialità a mio parere. Mi sono arrabbiato con i miei colleghi per il diritti tv con Sky. Parole interessanti, quelle dell'allenatore ex Milan e Bayern Monaco, che ha chiarito da subito la posizione di Marek Hamsik. Tecnicamente una squadra che mi soddisfa per quello che ho visto in questi anni. Basti vedere come Allegri ha accolto Ancelotti nel momento in cui è stato annunciato dal Napoli: "La Serie A ritrova un'eccellenza del nostro calcio, bentornato". Ma io ho parlato solo con Giuntoli e De Laurentiis, ho stima ed affetto per tanti giocatori, ma questa è un'altra esperienza e si parla sempre col club delle soluzioni migliori. Penso all'Inter, per esempio. "Noi dobbiamo pensare a fare la nostra strada e arrivare il più lontano possibile".

Con Ronaldo alla Juve sarà una sfida ancora più complicata, giusto?

"Conosco molto bene Cristiano, è un giocatore eccezionale, dal suo arrivo trae vantaggio anche il calcio italiano, oltre alla Juve".

Nello scorso campionato il Napoli di Sarri c'è andato vicino. Napoli è bella. Il panorama è magnifico, vivo in città volentieri. Il modulo? Possiamo farne più di uno, anche in fase di possesso e non possesso. Può giocare lì o tra le linee o come esterno, ma non come ala.

È soddisfatto dei primi rinforzi arrivati sul mercato?


"Meret è un talento, ha già fatto bene ed è molto forte: il mio portiere ideale è quello che para, poi se gioca bene con i piedi e sale sugli alberi tanto meglio, Karnezis lo aiuterà a crescere".

Il tecnico fa il punto su Mertens: "Non credo possa fare l'ala, ma ha qualità per giocare anche tra le linee senza problemi". Avrò la possibilità di variare. Che gruppo mi aspetto? Stiamo scegliendo i profili giusti insieme alla società. Faremo le amichevoli per vedere e testare i giocatori che abbiamo. E' stato scritto che ho parlato con Cristiano, Benzema, Di Maria, Cavani, David Luiz. Ho perso il conto. "Facendo crescere giocatori che ora sono top player per le richieste che hanno sul mercato". Ognuno ha le sue strategie e possibilità.

"Il Napoli è già cresciuto, parlerei di continuità". Si rivedono i passaggi in verticale più lunghi, un modo per affinare la tecnica e ricercare la profondità: la prima esercitazione con il pallone, prima di quella dedicata al pressing in un nove contro nove più un jolly inedito, Chiriches, con altri quattro, due per parte, pronti a subentrare. Talvolta si è vinto anche ad 85.

L'obiettivo è di fare almeno gli ottavi di Champions? . A marzo il Napoli dovrà essere in corsa su tutti i fronti. Siamo qui per vincere, non per pettinare le bambole.