Casa » Sport

Buffon si presenta al Paris Saint Germain: "Dimostrerò di essere ancora grande"

11 Luglio, 2018, 12:37 | Autore: Ave Pintor
  • Psg, è il #BuffonDay:

SORPRESA- "E' stata una sorpresa di inizio maggio, molto gradita per me perché sicuramente stavo già programmando un altro tipo di futuro ma dentro di me ho sempre avuto l'ambizione e la speranza che accadesse un qualcosa perché sentivo di avere ancora qualcosa di importante da dare". E poi la chiamata: la vita è davvero imprevedibile. Quando avevo 30 anni pensavo di avere due anni di carriera, a 34 pensavo di averne ancora uno, e così via. Voglio giocare fino quando sto bene e sarò tra i più forti. Ma non penso che sia un'ossessione per me o per questo club. Un ritorno? Deve esserci una necessità impellente. Quando inizia la stagione non puoi pensare di racchiudere tutto su un solo obiettivo, saremmo dei pazzi e qui non siamo pazzi.

"La mia decisione di venire a Parigi non era legata alle 3 giornate di sanzione". Ho 40 anni ma godo di un ottimo stato di salute e mentale. So che per raggiungere certi risultati c'è bisogno dell'aiuto di tutti e tutti possono ritagliarsi uno spazio da protagonisti nella stagione. Io farò di tutto per mettere in condizione i miei compagni di rendere al massimo.

MATUIDI - Blaise è una persona speciale, l'affetto reciproco e l'empatia che abbiamo creato è forte. "E quindi penso chela Francia sia la più seria candidata a vincere questo Mondiale, visto che il Brasile è uscito, che per me era favorito". "Voglio dimostrare di essere ancora grande, e lo farò".

Da un'ipotetica finale di Champions League con la Juventus al possibile trasferimento di Cristiano Ronaldo: le parole del nuovo portiere parigini ai microfoni di Sky Sport 24.

Mondiali? Credo che nella prossima edizione tutti vogliano l'Italia presente, perché quando ci mettiamo a gufare siamo molto bravi.


LASCIARE L'ITALIA - "Ho fatto 10 anni a Parma e 17 alla Juventus e soprattutto a Torino mi ero creato una zona di comfort considerevole".

"Buongiorno. sono molto contento e eccitato per questa nove avventura". Fra qualche mese parlerò con tutti e sarò un portiere migliore perché imparerò tanto. Un idolo, come se giocasse con la maglia del Psg da anni.

Alla coppia inizialmente è stata offerta una villa a Bougival, piccolo comune a ovest di Parigi, dove abitano per lo più artisti (viene infatti definita "La collina degli impressionisti") e in cui si gode di grande tranquillità: è il quartiere dove abita Neymar, il fuoriclasse brasiliano che sarà compagno di Buffon. Credo che il mio arrivo qui possa migliorarmi sia come persona sia come calciatore: questa è la prima vera priorità. Tanti ragazzi che probabilmente non ricordano nemmeno quel 9 luglio di dodici anni fa quando proprio Buffon, insieme ai suoi compagni della Nazionale, negò alla Francia la gioia del Mondiale.

Invece lui ha sorpreso tutti. "L'identità dipende molto dall'allenatore". "Per me, sono i candidati principali alla vittoria finale".