La Thalassa salva 66 migranti, il Viminale dice no allo sbarco

11 Luglio, 2018, 03:59 | Autore: Menodora Allio

La posizione del ministro dell'Interno Matteo Salvini, secondo il quale non ci sarà l'autorizzazione ad avvicinare dei porti in Italia, "non cambia". "Possono minacciarmi, ma io non mi fermo". Già a metà giugno la Vos Thalassa era stata protagonista di un salvataggio di migranti poi affidati, come oggi, alla nave militare italiana Diciotti.

Nel pomeriggio di domenica è intervenuto sul caso anche il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, anche lui del Movimento 5 Stelle: "Abbiamo accolto a Messina 106 migranti salvati da nave Eunavformed".

Ma successivamente la nave ha lasciato i migranti a una nave della guardia costiera italiana, la Diciotti, "che pure era più lontana rispetto ai libici che stavano entrando in azione", fa sapere il Viminale. "Ora - scrive il ministro - avanti con indagini per punire facinorosi".

In particolare, a bordo della Vos Thalassa ci sarebbero stati dei tumulti provocati migranti che temevano di essere riportati in Libia.


Il comandante della nave, si legge in una nota, "in diverse comunicazioni anche via mail alla Centrale operativa della Guardia costiera a Roma, ha segnalato una situazione di grave pericolo per la security della nave e del suo equipaggio, composto da 12 marittimi, tutti di nazionalità italiana, causato da atteggiamenti minacciosi nei confronti dell'equipaggio stesso da parte di alcuni migranti, all'arrivo in zona della Guardia costiera libica". Lo fa sapere la guardia costiera in merito all'intervento di ieri sera.

Dopo aver scaricato i migranti, la nave Vos Thalassa ha potuto riprendere la navigazione per ritornare alle proprie mansioni commerciali.

La decisione di trasferire i migranti sulla nave della Guardia costiera italiana, elogiata dal ministro Toninelli, non è piaciuta invece al ministro Salvini. "Sono rimasti in pochissimi a dire che va tutto bene nell'Unione Europea", "e mentre gli altri stanno precipitando nel consenso come quello di Macron, il governo italiano è il più forte con un consenso altissimo".

Il vertice che si è tenuto a Palazzo Chigi ieri sera con Conte, Di Maio e tutti gli interessati alla vicenda ha confermato questa linea proiettandone le conseguenze sul vertice dei ministri dell'Interno cui Salvini partecipa domani a Innsbruck sotto la presidenza di turno austriaca. E questo "problema politico" è stato posto dal ministro dell'Interno anche al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, sulla questione della Vos Thalassa.