Nave Diciotti, Salvini: Do il porto ma fatemeli arrestare

11 Luglio, 2018, 22:15 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Salvini taglia i fondi al business dei profughi: «Dieci euro in meno a migrante, da investire in sicurezza»

Tanto che, dopo l'incontro con il ministro dell'Interno, fa capire di essere in linea con il proprio vicepremier leghista: "A breve assumeremo iniziative italiane per dare continuità alle conclusioni del vertice Ue di giugno", ovvero quello tra i leader dei 28 Paesi dell'Unione europea sulla gestione del flusso dei migranti.

Nel corso della mattina Salvini aveva commentato: "Se su quella nave c'è gente che ha minacciato ed aggredito non saranno persone che finiranno in albergo ma in galera: quindi non darò autorizzazione allo sbarco fino a che non avrò garanzia che delinquenti, perché non sono profughi, che hanno dirottato una nave con violenza, finiscano per qualche tempo in galera e poi riportati nel loro paese". Presenti tra gli altri, si apprende in ambienti di governo, i ministri dell'Interno, Matteo Salvini, della Difesa, Elisabetta Trenta, degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini, lasciando Palazzo Chigi dopo l " incontro con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Sono stati informati della situazione, oltre al premier Conte, anche i ministri Di Maio e Toninelli" comunica lo stesso Viminale.

Secondo quanto scrive Repubblica, Salvini ha fatto sapere che non intende indicare alcun porto di approdo per l'imbarcazione Vos Thalassa, che lavora come nave rifornimento per una piattaforma petrolifera della Total nel Mediterraneo.


"Orgoglioso della Guardia Costiera italiana che con nave Diciotti ha preso a bordo 60 migranti che stavano mettendo in pericolo di vita l'equipaggio dell'incrociatore italiano Vos Thalassa". "L'apertura - osserva - è la sua ricchezza. La parola accoglienza è bella, la parola respingimenti è brutta", ha detto il ministro M5S ad Avvenire. IL CASO VOS THALASSA - La Diciotti, sulla quale sono stati trasferiti i migranti soccorsi dalla Vos Thalassa intervenuta in acque Sar libiche anticipando l'intervento della guardia costiera libica, era stata inizialmente raggiunta dall'altolà del Viminale per attraccare nei porti italiani. TONINELLI - In mattinata giunge via Twitter il commento del ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che si mostra su toni differenti rispetto a Salvini.

Stando agli ultimi aggiornamenti però il governo italiano non è intenzionato a 'premiare' il gesto dell'equipaggio della Von Thalassa che, anche se probabilmente tenterà di raggiungere le coste meridionali, non riceverà il via libera per poter raggiungere un porto. Salvini "pensava che l'intervento della Guardia costiera italiana fosse stato conseguente a una richiesta di salvataggio - ha detto Toninelli - mentre si trattava di un intervento di ordine pubblico e di sicurezza".