Donald Trump al vertice Nato ha già scelto il suo nemico

12 Luglio, 2018, 23:55 | Autore: Menodora Allio

Però ha firmato il comunicato conclusivo della giornata, evitando almeno per ora di ripetere lo strappo provocato al G7 in Canada. Poi in una conferenza stampa improvvisata ha dichiarato che "potrebbe farlo, ma non è più necessario". Il gasdotto Nord Stream dovrebbe essere raddoppiato, con un progetto molto contestato, il Nord Stream 2, che dovrebbe collegare l'area di Ust-Luga, non lontano da San Pietroburgo, con Greifswald, passando per il Mar Baltico e affiancando il gasdotto esistente. "Noi dobbiamo difendere la Germania dalla Russia, mentre la Germania manda miliardi alla Russia per comprare il suo gas".

Lo ha detto o non lo ha detto, rimane un mistero. Penso che sia possibile preservarla ma serve un impegno politico. Ma gli obiettivi del presidente sembrano principalmente due: limitare la dipendenza del continente dall'energia di Mosca, rimpiazzandola con quella venduta da Washington. "Gli alleati si sono impegnati nell'aumentare le spese della difesa" al 2% entro il 2024 "e ci stiamo muovendo sulla giusta direzione", ha aggiunto il segretario generale della Nato precisando che il summit che inizia oggi "è molto importante" e si discuteranno diversi temi tra cui le "strutture di comando in Usa e Germania e gli sforzi per combattere il terrorismo".


La preoccupazione degli alleati resta che Trump farà troppe concessioni durante il vertice di lunedì con Putin, e a questo scopo Stoltenberg ha sottolineato che la Nato ha confermato il rifiuto di riconoscere l'annessione della Crimea. Non c'è una penalità se non si raggiungono queste quote, ma Trump ha ripetutamente criticato la Germania in particolare per non aver speso abbastanza, a suo avviso, nella difesa. Anche qui lo scopo è doppio: da una parte rafforzare le capacità della Nato, e dall'altra spingere i suoi membri a comprare più armamenti dalle aziende Usa del settore. La Merkel ha concluso dicendo che attende con ansia gli incontri futuri perché "dopo tutto, siamo partner".