Decreto dignità, i voucher mettono in crisi Salvini e Di Maio

13 Luglio, 2018, 19:10 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Voucher Salvini

Mentre si aspetta il testo del decreto dignità approvato dal governo la scorsa settimana, che non è ancora stato firmato dal Presidente della Repubblica, riemergono le tensioni tra la Lega e il Movimento 5 Stelle sul tema del lavoro.

"Se qualcuno ha provato a fare i contratti sul gioco d'azzardo nel periodo di conversione in legge del decreto dignita' per fregarci, metteremo una norma in sede di conversione per evitare che chi ha fatto il furbo possa farla franca". Lo sa bene il suo alleato Salvini, che sta ricevendo una valanga di proteste per il provvedimento.

Sempre dall'incremento del Preu deriveranno anche risorse per la modifica della disciplina dei contratti a termine: per coprire i costi derivanti dalla riduzione della durata massima da 36 a 24 mesi sono destinati 42,5 milioni nel 2019, 2 milioni nel 2020 e 36 milioni a decorrere dal 2021. L'idea potrebbe essere quella di un primo assaggio di taglio del cuneo fiscale, almeno per alcuni settori produttivi, da approfondire poi nella legge di bilancio.

TUTELA OCCUPAZIONE CON AIUTI DI STATO - Nel caso la concessione di aiuti di Stato preveda una valutazione dell'impatto occupazionale, i benefici vengono revocati in tutto o in parte a chi taglia nei successivi 5 anni i posti di lavoro. Per ora il decreto stabilisce una proroga di soli 120 giorni ma ne seguirà probabilmente una successiva per garantire la continuità dell'anno scolastico. Salvi i contratti in essere ma comunque per non più di un anno.


L'aumento del Preu, il prelievo erariale unico su slot machine e videolotteries, sarà in due tranche e la prima scatterà già a settembre di quest'anno.

In una precedente versione del testo si stabiliva l'aumento, dello 0,5% rispetto alle attuali soglie dal 1° maggio 2019. Per lo spesometro invece si profila un rinvio della scadenza per l'invio dei dati del terzo trimestre a febbraio 2019, insieme quindi all'invio dei dati del quarto trimestre.

'Salvo' il Fondo per il pluralismo dell'informazione.