Oggi alla Camera il taglio dei vitalizi, Di Maio: "Giornata storica"

13 Luglio, 2018, 14:35 | Autore: Menodora Allio
  • Musumeci:

"Si ricalcola la pensione in base al criterio contributivo per i deputati ma non per i senatori e i consiglieri regionali - osserva il giudice emerito della Corte costituzionale -". Secondo il presidente Fico i risparmio ammonteranno a 40 milioni l'anno. I sì sono stati 11: 9 della maggioranza (M5s e Lega), uno del Pd e uno di Fratelli d'Italia.

Da notare che ci sono 67 deputati per i quali la rimodulazione determinerebbe un aumento dell'importo percepito: in questi casi la cifra sarà congelata al 31 ottobre 2018, bloccando meccanismi di aumento. Ad assicurarlo il ministro del lavoro Luigi Di Maio ma non è la prima volta che il vicepremier lo annuncia. Le vedove di ex parlamentari non dovrebbero subire effetti dalla riforma. Molti ex deputati sono ultranovantenni, e lo stesso vale per le vedove che prendono la reversibilità.

Il provvedimento, il primo del nuovo governo giallo-verde, è in attesa della firma del Capo dello Stato e della pubblicazione in Gazzetta dopo oltre una settimana dal via libera del Consiglio dei ministri. E chiude ringranziando il presidente della camera: "Grazie a Roberto Fico per quello che ha fatto".

TANTI NOMI FAMOSI - L'ex presidente della Federcalcio Antonio Matarrese vedrebbe più che dimezzarsi il suo assegno, frutto di 5 legislature: da 7.709 euro (lordi) a 3.045.

Tornando agli annunci del leader del M5S, sempre a Unomattina ha anticipato una sforbiciata per le pensioni "anche sopra i 4.000 euro, per coloro che non hanno versato i contributi a sufficienza".


Via libera al taglio dei vitalizi a 1240 ex parlamentari.

L'Ufficio di Presidenza della Camera ha dato il proprio assenso al taglio dei vitalizi dei parlamentari, adesso si passa alle pensioni d'oro. Se ha svolto un solo mandato il limite minimo è fissato in 980 euro mensili.

Giovedì 12 luglio 2018 l'Ufficio di presidenza della Camera ha approvato il taglio dei vitalizi agli ex parlamentari.

La ragione che ha portato alla concessione dei vitalizi sta nell'idea di assicurare a tutti il diritto alla partecipazione alla vita politica, indipendentemente dalle condizioni economiche di partenza.